Madre de-genere

La maternità tra scelta, desiderio e destino

a cura di

Il filo ininterrotto della maternità e del materno è ciò che definisce i diversi contributi presenti all’interno di Madre de-genere, un’esplicita partitura matrilineare che unisce prospettive disciplinari e “sguardi” provenienti da vari ambiti di studio e di esperienza: le controverse, leggendarie figure della grande tradizione letteraria (le saghe germaniche, Medea, Macbeth) si affiancano ai motivi ricorrenti, ai confronti e ai conflitti della narrativa italiana contemporanea, o ancora alle vicende artistiche ed esistenziali di scrittrici significative come Elsa Morante o Colette. In questo mosaico la letteratura è destinata ad incontrarsi con la filosofia, con la storia, con le altre scienze sociali: in una ricognizione storica della figura della madre, dalla società romana alla fine del patriarcato, ma anche nell’arte di Giotto o nella Repubblica di Platone. E poi il ruolo del cinema e della pubblicità, la costruzione di un’immagine mediatica della maternità e del materno, le questioni emergenti poste dalla filosofia e dalla bioetica, gli aspetti psicologici della gravidanza e quelli relativi – per esempio – ai dati su fecondità e occupazione femminile in Italia e negli altri paesi europei. Una maternità continuamente rivissuta e ridefinita, dai contorni spesso irrisolti, che appare divisa tra “scelta”, “desiderio” e “destino”, ma comunque elemento catalizzatore di molti dei fenomeni e dei cambiamenti che contraddistinguono la realtà contemporanea.

Saveria Chemotti insegna Letteratura italiana contemporanea e Letteratura italiana di genere e delle donne all’Università di Padova. Nei suoi lavori più recenti si è occupata di letteratura delle donne, di narrativa degli anni Ottanta e Novanta, con particolare attenzione per gli scrittori veneti. Ha pubblicato saggi su Foscolo, il Romanticismo italiano ed europeo, la narrativa del primo Novecento, Antonio Gramsci, Tonino Guerra, Giuseppe Berto e su numerosi altri autori e temi otto-novecenteschi. È condirettore di «Studi novecenteschi», rivista di storia della letteratura italiana contemporanea. Tra i suoi numerosi scritti, per le edizioni Il Poligrafo ha pubblicato: Il «limes» e la casa degli specchi. La nuova narrativa veneta (1999); La terra in tasca. Esperienze di scrittura nel Veneto contemporaneo (2003); L’inchiostro bianco. Madri e figlie nella narrativa italiana contemporanea (2009); Lo specchio infranto. La relazione tra padre e figlia in alcune scrittrici italiane contemporanee (2010); A piè di pagina. Saggi di letteratura italiana (2012). Presso lo stesso editore è coordinatrice della collana di studi di genere “Soggetti rivelati. Ritratti, storie, scritture di donne” e, con Antonia Arslan, della collana di narrativa “Graphie. Testi, modelli, immagini della scrittura femminile”.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice