La Trinità tradita

La sapienza femminile attraverso i secoli

L’immagine della Trinità così come ce la consegna la tradizione – frutto di una visione del mondo fondata sulle gerarchie, sui rapporti di forza, sulla negazione della differenza – è in realtà il risultato di un tradimento, della cancellazione, più o meno consapevole, di una concezione antichissima, legata alla Sapienza di origine femminile e per secoli rappresentata nella storia dell’arte: una trinità al femminile che coinvolge sant’Anna, la Vergine Maria e il Bambino.
In un percorso a ritroso nel tempo, che parte da un’approfondita riflessione sul dogma cristiano, in queste pagine si giunge fino alla riflessione delle teologhe femministe contemporanee, eredi di una predilezione delle mistiche del passato nei confronti del mistero trinitario, e si evidenziano i legami tra le donne e la Trinità, fino a fissare l’attenzione sulla figura di Ecate trimorfe, che funge da ponte tra l’antica mitologia delle società matrifocali e le successive visioni del mondo centrate sulle divinità maschili. Attraverso un’attenta analisi delle fonti – classiche, bibliche, apocrife, teologiche, filosofiche, storiche, archeologiche – vengono aperti nuovi percorsi che abbracciano una diversa concezione della divinità e una visione della spiritualità non più sottomesse a una tradizione esclusivamente patriarcale.

Nadia Lucchesi, per trent’anni docente di storia e filosofia nei licei, fin dai primi anni Novanta si è impegnata nella diffusione del pensiero della differenza sessuale, attraverso la pubblicazione di numerosi saggi e di due libri: Frutto del ventre, frutto della mente. Maria, madre del Cristianesimo (Tufani 2002) e Anna. Una differente trinità (Tufani 2014), nei quali interpreta il messaggio cristiano come esito della sapienza femminile. A Mestre, dove vive, è tra le fondatrici dell’associazione “Le Vicine di casa” membro del direttivo dell’associazione “Preziose”; dal 2017 è responsabile dell’Accademia della Maestria femminile della Spiritualità, dal 2018 è tra le socie fondatrici della “Scuola di alta formazione per donne di governo” ideata da Annarosa Buttarelli.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2020 IL POLIGRAFO casa editrice