Aldo Rossi a Borgoricco

a cura di

Verso la metà degli anni Ottanta l’amministrazione comunale di Borgoricco, piccolo comune dell’Alta padovana, incaricava Aldo Rossi – uno dei protagonisti assoluti dell’architettura italiana del Novecento – di redigere un progetto per l’edificio pubblico per eccellenza: il Municipio.
Iniziava così un percorso che avrebbe portato alla realizzazione di un edificio che rispecchia in modo chiaro le originali concezioni dell’analisi urbana e della progettazione architettonica di Rossi. Non si tratta soltanto della costruzione di un architetto famoso: il Municipio di Borgoricco, per la sua complessità compositiva, rimane un fondamentale esempio di un modo di interpretare l’architettura che ha segnato un’epoca nella storia dell’arte.
Aldo Rossi avrebbe parlato del Municipio di Borgoricco come di un’opera legata ad una educazione palladiana, «che va oltre la costruzione, che ricerca un significato per la piazza, un significato per le coperture e per altri elementi di questo insieme urbano e agricolo». Il realismo quotidiano che esprime l’architettura del Municipio – con la sua ciminiera, i muri di mattoni, le fontane – sembra derivare proprio dalla concretezza delle ville di Palladio, all’insegna di una storia comune e di una pragmaticità veneta che permane nei secoli.

Chiara Visentin insegna presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Parma. Per Il Poligrafo ha curato: Andrea Palladio e la costruzione dell’architettura (2008) e L’architettura dei luoghi (2008).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice