Antologie

Il genere letterario dell’antologia ha subito modificazioni profonde nel corso della storia: genere contaminato per eccellenza, fin dalla tarda antichità l’antologia costituisce una questione critica tuttora aperta.
Nel mondo classico è notevole il divario tra la raccolta di versi di provenienza alessandrina e la prima vera antologia della letteratura latina, concepita nel VI secolo d.C. per “salvare” più testi possibili, senza rigide barriere letterarie.
Più avanti nel tempo si assiste a nuove declinazioni del genere: i “templi” dedicati alle grandi dame del Rinascimento, in cui convivono liriche delle più diverse tradizioni linguistiche; le sillogi di “rimatrici” mosse da rivendicazioni del genio femminile; i testi che piegano la poesia medio-latina alla satira contro le istituzioni ecclesiastiche, come i Varia poemata di Mattia Flacio Illirico; le singolari “antologie per immagini” che animano un vivace mercato europeo delle stampe tra Riforma e Controriforma.
Sul finire dell’Ottocento, con l’Anthologia latina di Buecheler-Riese torna il tentativo di sottrarre all’oblio quanti più autori e testi; ma sarà l’inquieto Novecento, con le sue avanguardie e con le sue aspre polemiche, a registrare una catena di antologie e di auto-antologie, che disporranno ulteriormente il canone a usi e trasformazioni molteplici.

Bianca Maria Da Rif insegna Letteratura italiana presso l’Università di Padova. I suoi ambiti di interesse spaziano dalle tematiche legate al Rinascimento veneto allo studio di autori quali Guarini, Tasso, Leopardi. Attualmente è direttore del Centro Studi Dino Buzzati. Ha pubblicato numerosi saggi e vari articoli su giornali e riviste.

Silvio Ramat insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea presso l’Università di Padova. La sua attività di critico, avviatasi nel 1965 con una monografia su Montale, è proseguita studiando alcune delle principali correnti e figure della poesia del XX secolo, fino a tentarne una ricognizione sistematica a partire dalle sue origini. Poeta, ha esordito nel 1959, pubblicando in seguito numerose raccolte. Ha vinto il Premio Carducci per l’opera omnia.

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2019 IL POLIGRAFO casa editrice