Immaginare il Veneto

Cinema e territorio nello sguardo di Mario Bertagnin

a cura di

prefazione di Gian Piero Brunetta

Il documentario rappresenta una forma immediata e incisiva di descrizione della realtà come testimonianza e memoria del presente e del passato. Un artefice esemplare di questo processo visivo è il cineoperatore vicentino Mario Bertagnin (1932-2010) che ha colto, per quasi quarant’anni, con originalità e sensibilità artistica, i paesaggi e le tradizioni del Veneto: dalle Dolomiti alle città d’arte, dai riti alle tradizioni popolari, ha saputo restituire con la cinepresa un’immagine viva della realtà, persino immune allo scorrere del tempo.
Alla costante ricerca dell’inquadratura perfetta, quella che travalica la mera rappresentazione per trasmettere la natura profonda di un luogo, l’autore ha colto i mutamenti etnologici e paesaggistici, registrando fotogrammi di un territorio trasformato in arte cinematografica.
Prima documentarista per la RAI, poi direttore della fotografia iscritto all’AIC - Associazione Italiana Autori della Fotografia Cinematografica, Bertagnin si fa apprezzare per la grande passione con la quale ha girato i suoi documentari e per l’utilizzo disinvolto della macchina da presa, caratteristiche autoriali che lo porteranno a ottenere importanti riconoscimenti in ambito nazionale e internazionale.
I contributi di esperti storici e critici del cinema come Gian Piero Brunetta, Stefano Masi, Mirco Melanco, Carlo Montanaro e Alessandro Gatti restituiscono all’opera di Bertagnin un legittimo risalto, guidando il lettore alla riscoperta di un documentarista che – attraverso la cura del dettaglio, l’attenzione all’immagine e la ricerca esasperata della “giusta” luce per girare – ha coniugato professionalità e passione, mettendo sempre in primo piano la realtà come oggetto del racconto.

Lucia Bertagnin, laureata in Lingue e letterature straniere presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, grazie alla prestigiosa borsa di studio governativa australiana OPRS, consegue un Master of Arts in English presso The University of Queensland, Australia, 1995. Trascorre molti anni in Australia tra Melbourne e Brisbane, insegnando italiano e inglese. In Italia, oggi, è consulente e insegnante di corsi di bilinguismo infantile per la preparazione agli esami Cambridge Assessment English. Ha pubblicato: Narrowing The Aperture: Beverley Farmer’s Short Stories (Piovan, 1996); La rappresentazione della “Visual Truth” nella narrativa di Beverley Farmer, in Imagining Autralia / Immaginando l’Australia, Atti della Giornata di studio sulla cultura australiana (Bologna, Università di Bologna, Facoltà di Lingue e Letterature straniere moderne, 11 aprile 1997), a cura di Silvia Albertazzi, Sheila M. Downing, Monica Turci (Vecchiarelli, 1997).

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2022 IL POLIGRAFO casa editrice