Il sentimento del divino

Giorgio Colli e Hölderlin

Giorgio Colli, filosofo e storico delle filosofia, noto al largo pubblico per avere curato l’edizione critica, per Adelphi, delle opere di Friedrich Nietzsche, provò un’ammirazione particolare per la poesia di Hölderlin. All’origine di tale fascino vi è la convinzione che l’interiorità del poeta tedesco fosse la più affine, nella modernità, a quella dei Greci antichi. La visione dell’esistenza che emerge dalle sue opere poetiche e filosofiche sembra infatti richiamare le intuizioni fondamentali dell’antica sapienza ellenica. Alla luce di tale grandezza, il destino di abbandono e solitudine a cui Hölderlin fu condannato dalle persone intorno a lui fu il segno più eclatante, agli occhi di Colli, della triste scissione che contraddistingue il nostro tempo tra l’individuo che conserva un “frammento di antichità” nella propria anima e la società moderna.
Nell’intento di ricostruire le ragioni filosofiche di tale affinità spirituale, questo volume parte dalla definizione del concetto colliano di “grandezza”, debitore della riflessione di Nietzsche, per poi concentrarsi sulle analogie tra le intuizioni artistiche e logico-filosofiche di questi due autori e la sapienza greca.

Alessandro Bartoloni Saint Omer (Firenze, 1994) insegna Storia e Filosofia all’Istituto S. Freud di Milano ed è membro del Centro Studi Giorgio Colli. Nel 2016 si è laureato in Filosofia presso l’Università di Bologna e nel 2019 in Filosofia del mondo contemporaneo all’Università “Vita-Salute” San Raffaele. Nel 2011 ha vinto il Premio letterario fiorentino “Il Foligno”.

suggerimenti di lettura

IL POLIGRAFO casa editrice

via Cassan, 34 (piazza Eremitani)
35121 Padova
tel 049 8360887
fax 049 8360864
casaeditrice@poligrafo.it
P.IVA 01372780286

© 2022 IL POLIGRAFO casa editrice